Caricamento in corso...

FAQ CER

Una CER è una comunità energetica rinnovabile, ovvero un insieme di cittadini, attività commerciali, artigianali, industriali, piccole medie imprese che si uniscono per la produzione e la condivisione e lo scambio di energia elettrica ad impatto zero prodotta attraverso impianti di energia rinnovabile.
Per comunità energetica rinnovabile si intende quindi un’unione di utenti che condivide uno o più impianti di produzione di energia rinnovabile, attuando uno scambio energetico.

Tanti sono i vantaggi legati ad una comunità energetica. I principali vantaggi economici e ambientali sono:

  1. Incentivazione: si usufruisce di incentivi ventennali erogati da GSE Gestore Servizi Energetici;
  2. Risparmio in bolletta: il costo dell’energia in bolletta diminuirà e potrà tendere ad azzerarsi fino a raggiungere l’autosufficienza energetica;
  3. Azzeramento degli sprechi: non c’è spreco dell’energia prodotta, che può essere scambiata con gli altri aderenti alla CER;
  4. Riduzione dell’impatto ambientale

Possono aderire cittadini privati, enti pubblici e soggetti giuridici con partita iva, esclusa la grande industria e la GDO - Grande Distribuzione Organizzata.

Una PMI con meno di 250 dipendenti e meno di 50 milioni di fatturato annuo.

Contattando Ceress è possibile aderire ad una CER costituita o costituenda nella stessa zona, servita dalla medesima cabina primaria del distributore di energia elettrica della tua zona.

Si, gli aderenti devono essere sotto la stessa cabina primaria, vale a dire allacciati sotto la rete di distribuzione locale di energia elettrica servite ed alimentate dalla medesima cabina primaria.

Gli impianti ammessi sono tutti gli impianti entrati in funzione dopo la pubblicazione del Decreto Legislativo n°199 del 8 novembre 2021 Possono far parte della comunità anche gli impianti entrati in esercizio prima del decreto ma non devono godere di altri incentivi e comunque non possono superare il 30% della potenza totale degli impianti appartenenti alla comunità energetica.

Si, ma se si vuole aderire ad una cer ,se precedentemente incentivato bisogna scegliere tra gli incentivi precedenti e quelli di una cer perché non sono sommabili, inoltre bisogna rinunciare al contratto di scambio sul posto con il GSE.

Non esiste dimensione minima, ovviamente consigliamo che sia dimensionata in proporzione al numero ed al consumo degli aderenti alla Comunità.

La dimensione massima che potrà ottenere gli incentivi è di 1 MW per ogni singolo impianto facente parte della Comunità, nel caso di singolo impianto piu’ grande di 1MW la parte eccedente si potrà fare ma non potrà usufruire degli incentivi.

No, ma se già precedentemente incentivato bisogna scegliere tra gli incentivi precedenti e quelli di una cer perché non sono sommabili, inoltre bisogna rinunciare al contratto di scambio sul posto con il GSE.

Tramite l’esistente rete di distribuzione locale già esistente, non bisogna fare nessun impianto di collegamento.

Contattando Ceress, società specializzata nella progettazione e gestione di comunità energetiche rinnovabili.

I costi per aderire a una CER sono minimi.

Si, il cliente finale è libero di uscire in qualunque momento da una CER.

Non esiste un tempo di permanenza minimo all’interno di una CER.

Bisogna attenersi allo Statuto ed al regolamento che hanno permesso di costruire una CER, in cui vengono stabiliti eventuali corrispettivi concordati in caso di recesso anticipato per la compartecipazione agli investimenti sostenuti.

Le apparecchiature e il software messo a disposizione da Ceress consente di monitorare i consumi di energia di ogni singolo membro della CER, la produzione degli impianti e il controllo di eventuali sistemi di accumulo.

Ceress sta predisponendo una BlockChain che permetterà la certificazione.

Il costo dell’energia elettrica in eccesso acquistata dal tuo abituale fornitore.

L'energia prodotta in eccesso viene immessa in rete all'interno della comunità e quindi è a disposizione degli altri membri della comunità oppure viene ceduta al GSE.

Se ceduta in rete viene remunerata dal prezzo di mercato di riferimento.

Si, costituite tra 01/03/2020 e 30/06/2021, come test campione sperimentale.

Per il momento non è possibile, tuttavia ci sono forti richieste di ampliamento territoriale.

Incentivi GSE per 20 anni e riduzione costo della bolletta elettrica.

La detrazione al 110% è estesa all’installazione degli impianti fotovoltaico fino a 200 kW, da parte di comunità energetiche rinnovabili costituite in forma di enti non commerciali o da parte di condomìni, in presenza di requisiti specifici, anche se corrisponde solo alla quota di spesa corrispondente alla potenza massima di 20 kW.

SI, le colonnine esterne o le wall box nel garage sono considerate consumatori finali ed aderenti alla CER.

Contemporaneamente tutte quelle che possono collegarsi alle colonnine esistenti.

La comunità di energia rinnovabile deve costituirsi in soggetto giuridico, quale, a titolo d’esempio, associazione, ente del terzo settore, cooperativa, cooperativa benefit, consorzio, partenariato, organizzazione senza scopo di lucro.

La comunità di energia rinnovabile deve costituirsi in soggetto giuridico, quale, a titolo d’esempio, associazione, ente del terzo settore, cooperativa, cooperativa benefit, consorzio, partenariato, organizzazione senza scopo di lucro.

È consigliabile disporre di polizza assicurativa oppure aver nominato Ceress come soggetto responsabile.

Si. Tra i soggetti che possono costituire o partecipare ad una CER vi è anche la Pubblica Amministrazione.

Si. Tra i soggetti che possono costituire o partecipare ad una CER vi è anche la Pubblica Amministrazione.

Sebbene non sia obbligatoria, la manutenzione è altamente consigliata al fine di mantenere alti i livelli di efficienza degli impianti. Si può dare incarico a Ceress.

Il soggetto responsabile nominato. Il soggetto responsabile può essere anche un ente esterno, come Ceress.

FAQ CERESS

Ceress è l’ultima società nata dal Gruppo Piccinini che opera nel settore energetico da più di 60 anni.

Ceress si occupa di progettazione, realizzazione, gestione a 360°e manutenzione delle comunità energetiche rinnovabili CER.

Tramite superbonus 110%, detrazione fiscale 50% con sconto in fattura, convenzioni con enti finanziatori.

Ceress offre un servizio di manutenzione completa sia ordinaria che straordinaria.

Si, Ceress si occupa di tutti gli adempimenti burocratici e amministrativi.

Favorire la partecipazione anche ai piccoli investitori, rendendoli partecipi e protagonisti della transazione ecologica tramite il nostro know how.

Di volta in volta che verrà lanciata una campagna di raccolta verranno comunicati annunci su web e sui social.

Il nostro gruppo collabora da sempre con la pubblica amministrazione. Ceress stipula speciali convenzioni con i Comuni progettando e realizzando comunità energetiche sul territorio.

Se fai parte di una comunità energetica gestita da Ceress, potrai contare sulla consulenza dei nostri esperti.

FAQ GSE

Per informazioni dettagliate sulle comunità energetiche rinnovabili e sull'autoconsumo di energia, è possibile consultare la sezione dedicata su sito del Gestore dei Servizi Energetici - GSE
GRUPPI DI AUTOCONSUMATORI E COMUNITÀ DI ENERGIA RINNOVABILE
FAQ GSE

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

CONTATTACI

INVIA This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.
Copyright © 2022 - Privacy Policy - Cookie Policy | Tailor made by eWeb
CHIAMACI